Business Model Canvas – che cos’è? quando e perchè utilizzarlo?

 

Se ti occupi di impresa, innovazione e sei appassionato a come le grandi aziende (r)innovano il mondo, o semplicemente a come le grandi aziende entrano in mercati già saturi e riescono a fare soldi a palate, avrai sentito parlare del Business Model Cavas.

Il Business Model descrive la logica con la quale un’organizzazione crea, distribuisce e cattura valore.

Il Business Model Canvas è la rappresentazione grafica, schematica e semplice del Business Model.

Non so se siano stati loro gli ideatori del BMC, ma
Alexander Osterwalder e Yves Pigneur sono gli autori di un libro molto interessante che tratta l’argomento in modo molto interessante.

Creare Modelli di Business - Alexander Osterwalder e Yves Pigneur
Creare Modelli di Business – Alexander Osterwalder e Yves Pigneur

Come descritto nella copertina stessa, si tratta di “un manuale pratico per ispirare chi deve creare o innovare un modello di business”.
Io l’ho letto, ed effettivamente è così: il libro aiuta nella comprensione e nella rappresentazione dei modelli di business, descrive quelli delle grandi aziende, e ci apre la mente alla possibilità di innovare il modello di business di un determinato settore, aiutandoci a ripensarlo sotto un’ottica diversa e attraverso dei paradigmi univoci, attraverso i quali tutti i modelli di business possono essere descritti.

Il Canvas

Business Model Canvas

Come si vede dall’immagine, si tratta di una “banale” suddivisione grafica di normalissimo un foglio.

Potete farlo anche senza il template ufficiale,  e riprodurlo in modo semplice ovunque voi siate. Avete bisogno solo di un foglio e una penna.

Quei quadranti rappresentano diversi aspetti della vita di un business, e al loro interno possiamo scrivere, o posizionare dei post-it per descrivere come un’azienda, o un’idea dovrebbe funzionare e guadagnare.

Suddivisione delle aree del Business Model Canvas

Ho suddiviso le varie macro-sezioni del Business Model Canvas in modo da aiutare nella comprensione, e quindi nella compilazione.

Le ho chiamate, le 4 C: Cosa, Chi, Come, Cash. Al loro interno, abbiamo il cuore della nostra impresa

  • Cosa
    • Value Proposition – Proposta di Valore
  • Chi
    • Customer Segments – Segmenti di Clientela
    • Customer Relationship – Relazione con i Clienti
    • Channels – Canali
  • Come
    • Key Resources – Risorse Chiave
    • Key Partners – Partners Chiave
    • Key Activities – Attività Chiave
  • Cash
    • Revenue Stream – Flussi di Ricavo
    • Cost Structure – Struttura dei Costi

Non vedremo ogni singolo punto in modo dettagliato, ma cercherò di dare un assaggio sulle varie aree, in modo da comprenderle e compilarle correttamente.

Cosa. La proposta di Valore

La Proposta di Valore è il cuore del vostro business.

Rappresenta il valore che voi apportate ai vostri clienti.

Se questo valore è debole, non è chiaro, non è percepito come valore, c’è un problema nel vostro business.

La proposta di valore è la risultante del problema che volete risolvere.

Per trovare la proposta di valore del vostro business, e capirne le basi e le potenzialità, esistono delle domande la cui risposta facilita il processo della definizione della proposta di valore:

  • Quale valore trasferiamo?
  • Quale problema risolviamo?
  • Quali necessità soddisfiamo?

Chi. I clienti e i canali

La sezione “Chi” ci porta a definire qual è il nostro target

I nostri segmenti di clientela saranno quelle persone a cui offriamo la nostra proposta di valore.

In questa sezione, vanno definiti anche i canali su come raggiungiamo il nostro target, e il tipo di relazione che vogliamo instaurare con loro.

Starbucks ha basato la sua fortuna sulla relazione con la propria clientela: assistenza dedicata al cliente da parte del suo personale per creare una connessione emotiva, e una carta fedeltà per mantenere questo rapporto nel tempo.

Come. Le chiavi del nostro business.

Il “Come” vogliamo offrire la nostra proposta di valore ai nostri clienti può essere descritto attraverso la definizione delle risorse chiave, delle attività chiave e dei partner chiave su cui si basa il nostro business.

Per fare un esempio pratico: tra le attività chiave di Starbucks c’è la formazione del personale, tra le attività chiave di Amazon c’è l’assistenza clienti. 

Per Uber, gli NCC (Noleggio con conducente) sono dei partner chiave, o per AirBnB lo sono i possessori di immobili. 

Cash. Flussi di ricavi e struttura dei costi.

In ultimo, ma non meno importante, la sezione CASH.

Ogni Business, idea o impresa, per poter essere profittevole e sostenibile, necessità di ricavi che superino i costi. 

Questa sezione, che io consiglio sempre di compilare dopo aver completato le altre, ci fornisce il quadro finale sulla sostenibilità del’idea, della nostra impresa, del business che vogliamo portare avanti. 

Definire in che modo entreranno i soldi in azienda, e avere chiaro quanti e quali costi dobbiamo sostenere per reggere il nostro business è un’attività  fondamentale da compiere. Un’attività a cui ogni imprenditore non può esimersi dal compiere.

Dropbox avrà nella sua struttura dei costi i server e lo spazio disco, mentre nello Revenue Streams (flussi di ricavo) avrà il pagamento mensile del canone di acquisto del servizio. 

Business Model Canvas. Quando e Perchè utilizzarlo.

La rappresentazione grafica del modello di business può aiutare in diversi casi.

Se siete degli innovatori, e vi vengono tante idee su come “fare soldi” e innovare il mondo, il tentativo di rappresentare graficamente il modello di business della vostra idea è un ottimo esercizio per stimolare lo sviluppo dell’idea stessa.

Ho una buona idea? Perfetto. Carta e penna, e giù di rappresentazione grafica del modello di business. 

Alla fine della compilazione, potranno succedere due cose:

  • o vi rendete conto che la vostra idea geniale non era così tanto geniale, visto che non porta ricavi
  • o vi rendete conto che la vostra idea geniale è effettivamente geniale, e se sviluppata in modo corretto può portare tante soddisfazioni, anche economiche

Può essere utile anche in fase di analisi. Ho un’azienda che non sta facendo abbastanza soldi, una rappresentazione grafica del suo finzionamento e del suo modello di business può aiutare a comprendere in quali settori si deve agire, e in quali ambiti ci si deve concentrare.

O ancora, se vogliamo entrare in un determinato settore, l’analisi del modo in cui i nostri competitor fanno i soldi, ci può aiutare a capire come possiamo essere innovativi e battere la concorrenza innovando il processo del business.

Cosa non è il BMC Business Model Canvas

Per chiudere, vorrei ricordare a tutti che cosa NON è il Business Model Canvas.

Il BMC non è la panacea di tutti i mali: se la vostra azienda o la vostra idea sta andando male, e voi la rappresentate nel BMC questo non risolverà il problema. Può aiutarvi a capirlo, ma non lo risolverà. Per risolverlo dovrete analizzarlo, e poi modificare e agire sulle parti deboli del vostro business.

Non è uno strumento per fare soldi. 

La rappresentazione grafica della vostra startup in un BMC non vi farà guadagnare nemmeno un euro fino a quando non metterete in pratica quanto rappresentato. 

k

Summary
Business Model Canvas - che cos'è? quando e perchè utilizzarlo?
Article Name
Business Model Canvas - che cos'è? quando e perchè utilizzarlo?
Description
Il Business Model Canvas è la rappresentazione grafica, schematica e semplice del Business Model, ovvero del modo in cui la vostra organizzazione, idea o impresa crea, distribuisce e cattura valore. Business Model Canvas - che cos'è? quando e perchè utilizzarlo?
Author
Publisher Name
kobansky
Publisher Logo

    Leave a Comment

    Argomenti

    Iscriviti alla Newsletter

    Rimani Sempre Aggiornato!

    Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

    More from our blog

    See all posts