“Secondo me” … può essere l’Assassino della Tua Idea

 

Tutte le idee imprenditoriali partono da una considerazione personale.

Secondo me questa roba che ho in testa funziona.

Eppure, è proprio quel “secondo me” che rappresenta l’assassino dell’ 80% delle idee imprenditoriali e innovative.

Aspetta, andiamo per gradi e proviamo a capire quando il “secondo me” può essere un problema e quando, invece, può rappresentare un valore aggiunto.

Spesso nel giudicare una cosa ci lasciamo trascinare più dall’opinione che non dalla vera sostanza della cosa stessa.” – Seneca

secondome

Non costruire un castello sulla sabbia!

Ogni volta che parliamo con il nostro socio, ogni volta che raccontiamo la nostra idea, ogni volta che desideriamo condividere quello che frulla nella nostra testa, la conversazione si satura di “secondo me”.

E di per sè, non è un male: è una semplice espressione della propria idea, della propria opinione, della propria visione del mondo.

La conversazione, il confronto, la base di discussione con il nostro socio, con un nostro amico, con i colleghi durante un brainstorming, diventa sterile quando l’espressione “secondo me” non è seguita da dati.

Faccio un esempio banale, per provare a spiegare meglio il concetto.

Se, secondo me, è meglio mettere un bottone di colore rosso rispetto al verde, e per il mio interlucutore  è meglio metterlo blu, ci troviamo in una fase di stallo.

Preferisco rosso perchè secondo me si integra meglio nella grafica della pagina. 

No, meglio blu perchè secondo me risalta rispetto a tutta la pagina.

Nessuno dei due ha ragione e nessuno dei due riuscirà mai a convincere l’altro della propria visione; e questo perché si discute nell’ambito del soggettivo, dell’opinabile, del gusto personale.

Provate, invece, a immaginare quale piega possa prendere la stessa discussione, ma supportata da dati oggettivi e non opinabili.

Preferisco rosso perchè secondo me si integra meglio nella grafica della pagina. 

No, meglio blu perchè secondo me risalta rispetto a tutta la pagina; studi hanno dimostrato che un bottone blu converte il 35% in più rispetto al rosso, e il 50% in più rispetto al verde.

L’obiezione qui proposta in favore del bottone blu è molto più efficace rispetto alla conversazione sopra riportata per un semplice motivo: è supportata dall’oggettività dei dati statistici, dall’impossibilità di mettere in discussione la base su cui si fonda la proposta del bottone blu.

Costruisci il tuo business sui dati!

Dall’esempio (banale) sopra raccontato, possiamo trarre una lezione importante. 

Tutte le decisioni su cui fondiamo il nostro business devono essere supportate dai dati.

datadriven

Sì, l’incipit partirà sempre da un secondo me.

Ma non possiamo fermarci al “secondo me”.

Non possiamo sviluppare il nostro prodotto solo sulla una nostra impressione.

Non dobbiamo investire i nostri soldi solo basandoci sulla nostra intuizione.

Sì potremmo farlo, ma sarebbe un rischio troppo alto da correre.

Soluzione?

secondo me

Semplice. 

Hai avuto un’idea? Hai avuto l’intuizione del secolo?

Fai esperimenti per validare o invalidare questa idea.

Fai dei test; fai delle interviste; fai dei sondaggi.

Raccogli i dati, e analizzali in modo oggettivo. 

Solo dopo questa analisi saprai se qualcuno ha bisogno della tuo prodotto, se stai risolvendo un problema a qualcuno o se la tua idea non era poi così tanto geniale. 

E se i dati raccolti non riescono a supportare la tua idea non rammaricarti: è meglio sapere che la tua idea non avrà successo prima che inizi a lavorarci sopra, inizi a perderci tempo, ci investi sopra tutti i tuoi risparmi di una vita.

k

Summary
"Secondo me" ... può essere l'Assassino della Tua Idea
Article Name
"Secondo me" ... può essere l'Assassino della Tua Idea
Description
"Secondo me" ... può essere l'Assassino della Tua Idea. Non costruire un castello sulla sabbia. Scegli di investire il tuo tempo e le tue risorse solo dopo aver raccolto e analizzato dei dati.
Author
Publisher Name
kobansky
Publisher Logo

      Leave a Comment

      Argomenti

      Iscriviti alla Newsletter

      Rimani Sempre Aggiornato!

      Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato

      More from our blog

      See all posts